CULTURA

Pinocchio/
La collezione Marinelli
di Ancona
(950 libri
con una traduzione
in russo
di Tolstoj)
donata alla fondazione
Collodi di Pescia

Libri Computer Polaroid Micro SD Disco SSD Illuminazione
Ufficio Stampa
Edizioni complete e riduzioni illustrate per bambini, fumetti e trascrizioni in braille, in italiano e in varie lingue del mondo, pure in dialetto: c'è un Pinocchio in russo tradotto da Tolstoj, per esempio, oppure le avventure del celebre burattino in bergamasco o in sardo (Is contus de Opineddu). Sono le opere della collezione di 950 volumi, raccolti tra il 1902 e il 2010, tutti incentrata su Pinocchio, donata alla Fondazione Carlo Collodi di Pescia (Pistoia). Si tratta della raccolta iniziata dall'avvocato Oddo Marinelli, membro dell'Assemblea Costituente italiana e giornalista, continuata poi dal nipote Alberto Volpe.
    Marinelli (Ancona 1888-1972), si spiega dalla Fondazione, "doveva avere una grande passione per il burattino di Collodi, tanto che fu tra i promotori della realizzazione della statua di Pinocchio ad Ancona, opera dell'artista Vittorio Morelli inaugurata il 30 maggio del 1954. La collezione fu poi ampliata dal nipote Alberto Volpe, medico - scomparso nel 2010, "punto di riferimento della medicina legale delle Marche centrali e membro del Bureau medico internazionale per il riconoscimento dei miracoli di Lourdes" - a cui passò iure hereditatis. Dopo la scomparsa di Volpe, il legale degli eredi - avvocato Francesco Bernabucci - ha preso contatto con la Fondazione Collodi, informandola della donazione della collezione che viene così messa a disposizione degli studiosi di Carlo Lorenzini e di Pinocchio. I testi catalogati saranno collocati all'interno della Biblioteca Collodiana, dove la Fondazione conserva tutte le opere di Lorenzini e un'infinità di edizioni de Le avventure di Pinocchio: dal racconto pubblicato a puntate nel Giornale dei bambini nel 1881 (e la prima edizione del 1883) fino a opere contemporanee, in tutte le lingue.


22/05/2018 07:13:01

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=427
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.