INCOGNITA

Chi ci stava guardando?

Parte Seconda

Libri Computer Polaroid Micro SD Disco SSD Illuminazione
Ufficio Stampa
Fonte: thexplan.net
Il terreno su quella roccia mostrava segni di parecchio movimento. Abbiamo trovato tracce di zampe a quattro dita, simili a quelle di un felino di grosse dimensioni (se eravamo sul Grand Canyon si poteva pensare alle tracce di un puma). Ma non ci sono felini in Valmalenco.
Le tracce erano molto chiare e ci dicevano che i “Fumini” non erano gli unici esseri che avevano passeggiato in quell’area la notte precedente. Non avevamo dati riguardanti queste tracce prima di questa data.
Si tratta di segni di tre artigli con forse un quarto in corrispondenza del tallone (non così chiaro), ma artigli diversi rispetto a quelli trovati dal primo gruppo. Secondo la nostra guida si tratterebbe dei segni dei “Grigi”, ma queste impronte sarebbero delle zampe posteriori.
Abbiamo ipotizzato che le tracce siano state lasciate sul declivio ghiaioso mentre l’individuo si spostava, magari per raggiungere la cima. Potrebbe essere anche scivolato o aver sostato per qualche attimo, almeno la traccia in basso a sinistra pare indicare questo. E comunque non doveva trattarsi di pesi piuma per lasciare tracce del genere su un terreno duro.

Nel completare l’esplorazione attorno alla collinetta abbiamo trovato l’ultima traccia. Questa era simile a quelle trovate sullo sperone di roccia, solo 4 volte più grande.. Così grande che era chiaramente visibile l’impronta di una capra che vi era passata al suo interno.
Abbiamo dati di cacciatori che avrebbero visto strani esseri rimpicciolirsi e allungarsi fino a dimensioni gigantesche, tuttavia la descrizione di tali creature non combacia con le tracce di grandi felini da noi trovate. A meno che questi esseri utilizzino delle tute protettive che mascherano il loro vero aspetto. E su questo possediamo altre prove classificate CEX-III (vedi la nostra classificazione) a sostegno di tale ipotesi.

Ma allora chi ci stava guardando? Sappiamo che qualcuno c’era, avevamo avuto l’esperienza nella “bolla” la notte precedente e, quella stessa mattina, abbiamo documentato un avvistamento CEX-I proprio sopra le nostre teste (vedi Non siamo mai stati soli), ma su chi e perché non abbiamo risposte...per ora.
Man mano che le nostre indagini sui fenomeni della Valmalenco proseguono, speriamo di trovare alcune risposte al milione di domande che girano nelle nostre menti sin dal giorno in cui abbiamo messo piede in questo stupendo Giardino dell’Ed(b)en.
15/03/2019 02:56:17

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=1160
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.