CULTURA/Arti Audiovisive

MACERATA, REMO PAGNANELLI E L'ARTE

Pittori e versi in Galleria

Guido Garufi
Affollata la Sala Castiglioni e magistrale lezione di Roberto Cresti



Sold-out  alla sala della  biblioteca comunale Castiglioni, lo  scorso sabato.  Un pienone, con gente in piedi, assiepata, che è stata attenta, amichevolmente presa  dall’incontro relativo al poeta Remo Pagnanelli, quella sera in veste di critico d’arte.  Dopo il saluto del vicesindaco  Stefania Monteverde, ha dato l’inizio  alla conferenza la sorella di Pagnanelli, Sabina, che ha ideato questo particolare incontro, insieme all’Associazione Art Club Studio di Macerata. Serata davvero particolare perché ben 15,artisti (Bartolini, Basili, Caggiano, Carletti, Craia, Del Bianco, Donati, Grelloni, Iacomucci, Migliorelli, Pannocchia, Pantana, Piccardoni, Spagnuolo, Zampetti)  hanno esposto le proprie opere, ognuna della quali a “commento” di alcuni testi di Remo. La mostra  sarà aperta al pubblico fino alla fine del mese di febbraio..
Magistrale l’intervento del Professor Roberto Cresti  docente di Storia dell’arte ( e di Estetica) presso la nostra  Università. Magistrale  poiché, non rinunciando alla “complessità”  è partito dagli studi critici di Remo, quelli relativi  ad alcuni autori quali Scipione e Peschi, fra gli altri, ma soprattutto dagli approfondimenti  di teoria dell’arte, ovvero ai  saggi sulla percezione dell’opera, di estetica, di “pedagogia del fatto estetico”. Su questi, in particolare, il Professor Cresti si è soffermato. Tesi di fondo, la seguente:

Pagnanelli  che aveva a suo favore una enorme e sterminata “lettura” e approfondimento di grandi Maestri  del Novecento ( Longhi, Brandi, De Benedetti, Ricoeur, e una foltissima schiera ermeneutica di richiamo, da Jung a Lacan) , Pagnanelli , si diceva, non si era affatto “aggregato”   alla pletora dominante dello strutturalismo e della semiotica, “era lontano- ha detto Cresti-  dalle Chiese  e dalle ideologie totalitarie”. Di qui la sua posizione, modernissima, di “solitudine” dello studioso, che in verità aveva ( e ha )parenti illustri nel secondo Novecento, più in Francia che in Italia. Remo propone nei saggi teorici l’idea di una estetica che abbia una sua funzione “regolatrice” o comunque una direzione etica ( anche qui la lezione di Luciano Anceschi). Ma è proprio analizzando  i testi poetici che Cresti ha “scovato” il nucleo fondante dei versi, o, se si vuole, della poetica: esiste una simmetria profonda tra immagine e parola, un connubio quasi alchemico, generatore di immagini nei confronti delle quali l’autore  si sente come liberato. Ut pictura, si può dire, che immagine e verso siano “sintetici” e costituiscano una unità indissolubile. Pur nell’omaggio profondo e alto ad una musicalità di tono medio e pacato, quella che Remo amava di più, presente nel poeta a lui più “interno”, Vittorio Sereni ( sul quale si era laureato), Cresti ha  delineato una personalità “forte” , un “individualismo non vittimistico” , un tipo di critica affatto astratta, ma sempre consapevole della “storia” del poeta indagato, è il caso del saggio su Fortini, nonché l’approccio al “cinema”, a questa “arte in movimento” sulla quale Pagnanelli anche aveva scritto e definito come  il “supergenere dell’arte” . Vi è modernità e  fedeltà alla tradizione, vi è una irritazione, quasi  leopardiana per le “ magnifiche sorti e progressive”. Insomma, Remo , pur nella sua breve vita, ha concentrato una potenza e una lucidità quasi profetica  di lettura che oggi viene a mancare. Si direbbe, proseguendo con Leopardi, la lotta per una “verità” , per una poesia concepita come “organismo vivente” e “martirion”,  contrapposta alla  “funesta voce delle gazzette”. 


Il prossimo incontro in programma,  previsto per Sabato 10 febbraio alle ore 17 presso la biblioteca comunale, è dedicato interamente alla poesia.  Per la presentazione del volume   “Quasi un consuntivo”, che raccoglie  una selezione  di poesie di Pagnanelli,  un parterre di donne : la curatrice del volume Daniela Marcheschi, la direttrice della biblioteca Alessandra Sfrappini e la professoressa e scrittrice Lucia Tancredi , coordina i lavori Maurizio Verdenelli . Daranno voce ai  testi poetici Piero Piccioni e Fulvia Zampa .

07/02/2018 12:15:42

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=85
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.