INCOGNITA

Il Grande Segreto
dei Templari

Parte Ottava

Ufficio Stampa
Fonte: thexplan.net
IL SIMBOLISMO TEMPLARE

Gli Ordini Militari hanno da sempre dato enorme importanza al simbolismo e ai simboli. Nel Medioevo i Cavalieri Templari utilizzavano i simboli per identificare la propria appartenenza e per esprimere un segnale forte di appartenenza non solo militare, ma anche spirituale, alle regole e ai principi che essi difendevano (ricordiamo che i Templari erano un ordine di monaci-guerrieri). Tali simboli comparivano sugli abiti, sugli scudi, sull’elsa delle spade e sulle insegne in battaglia o sulle torri dei castelli, nelle tombe e nei documenti ufficiali.
Vi è ancora molta confusione riguardo ai simboli che i Templari effettivamente usavano. Quando si parla di simboli Templari, si deve distinguere tra i simboli usati dall’Ordine dei Cavalieri Templari come mezzo per identificare se stessi e le loro proprietà, e i simboli usati dai Templari per altre ragioni. Quest’ultima categoria include simboli che erano comuni nel Medioevo e che venivano usati anche dai Templari. Qui di seguito viene riportato un elenco sintetico dei simboli Templari appartenenti alla prima categoria:

La Bandiera di Beauseant
La bandiera Bianca e nera, che forse simboleggiava il Bene e il Male, era uno dei simboli più importanti del singolo Cavaliere. Secondo lo statuto dell’Ordine, i Cavalieri dovevano sempre conoscere la posizione della bandiera sul campo di battaglia. Qualora si fosse stati costretti a dividersi o disperdersi, il punto di riunificazione doveva essere sotto la bandiera di Beauseant. Se questa non era visibile, i Templari dovevano ripiegare sotto l’insegna degli Ospitalieri o, in mancanza, uno degli altri stendardi Cristiani presenti in battaglia.

Due Cavalieri su un solo cavallo
È una delle più famose immagini Templari: due Cavalieri in sella a un solo cavallo. Il significato era legato al voto di povertà che i novizi dovevano pronunciare prima di entrare a far parte dell’Ordine.

La Croce Templare
Simboleggiava il martirio, ed era cucita sulla tunica bianca di ogni Cavaliere. Tale croce non va confusa con la croce bianca degli Ospitalieri (che, in seguito, adottarono la croce rossa), e da quella nera dell’Ordine Teutonico. Inizialmente non vi era una preferenza di colore per l’utilizzo della croce, ma con Eugenio III (1145-1153) si stabilî che i Templari indossassero la croce rossa come segno del martirio.
Riguardo alla forma, la più comune era sicuramente quella a due linee rette incrociate, che identificava al meglio il modo di vivere semplice e spartano dei monaci-guerrieri.
Successivamente la forma cambio’ e divenne quella che ad oggi e’ identificata propriamente come Croce Templare.

La Cupola del Tempio
Presente in molti sigilli Templari, il reale significato del simbolo della cupola è tutt’ora controverso. Per alcuni, starebbe ad indicare la cupola del Tempio di Gerusalemme; per altri, la Chiesa del Santo Sepolcro; oppure, semplicemente la rappresentazione dell’originale Tempio di Salomone. 

[FINE]
31/08/2018 10:27:38

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=866
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.