ECONOMIA

IL MONOPOLIO ASSURDO

Enrico Mattei: “Il petrolio fa cadere i governi e condiziona l’equilibrio nel mondo”

Emanuele Tacconi
Inviato Onu. Attualmente è nello Yemen dilaniato dalla guerra civile e dal colera. Già scampato ad un doppio attentato dei separatisti contro i governativi, Emanuele ci ha telegrafato ieri : “Tutto ok, sto bene” dopo che ad Aden i ribelli con un’altra sanguinosa azione di guerra hanno occupato il Palazzo dell’Esecutivo.



Diceva Enrico Mattei: “Il petrolio fa cadere i governi, fa scoppiare le rivoluzioni, i colpi di stato, condiziona l’equilibrio nel mondo … Il destino di milioni e milioni di uomini nel mondo in questo momento dipende da 4 o 5 miliardari americani…
La mia ambizione è battermi contro questo monopolio assurdo. E se non ci riuscirò io, ci riusciranno quei popoli che il petrolio ce l’hanno sotto i piedi.”
L’ultima missione in Mali, poco prima d’essere ucciso, affidata a Giuseppe Accorinti, uno dei suoi ‘ragazzi’  illumina perfettamente il glorioso obiettivo perseguito sino alla fine dall’Uomo che vedeva il futuro.  Un futuro tradito con il suo assassinio. Il piccolo paese, il più francofono dell’Africa, al centro della sanguinosa strategia dell’Isis dopo i fatti di Parigi, doveva diventare per il fondatore dell’Eni un’altra Cuba nel cuore del ‘sistema’ per far saltare lo scacchiere dei Padroni del Petrolio. L’ambizione di battersi contro ‘il monopolio assurdo’ è morta con Mattei ma ‘quei popoli che il petrolio ce l’hanno sotto i piedi’ la stanno ora portando avanti con successo. L’ideale testimone del ‘santo petroliere’ è stato raccolto.  Si sta infatti verificando un fenomeno nuovo. Come da tradizione era sufficiente un accenno di conflitto per far aumentare il prezzo del petrolio e rimpinguare le casse dei Paesi produttori. Ora invece i Paesi produttori, avendo raggiunto un livello di benessere inestimabile e potendosi di conseguenza permettere notevoli mancati guadagni, tentano di utilizzare l’arma del gioco al ribasso per impoverire il nemico sferrando un violento attacco all’economia mondiale. Con questa strategia l’Arabia Saudita, approfittando anche dell’ instabilità del Medio Oriente e del Nord Africa, sta tentando di mettere in difficoltà la Russia, l’Iran e l’ascesa del petrolio di scisto statunitense.  E’ una semplice ‘politica’ basata sulla domanda e sull’offerta che al momento non sta dando gli effetti sperati ma essendo questa un’operazione a lungo termine è una situazione da non sottovalutare. Questa è la realtà attuale dove anche l’ Isis gioca un ruolo fondamentale nella destabilizzazione delle dinamiche economiche mondiali e ancora una volta il petrolio, di questo globale scenario é protagonista assoluto. Oltre al contrabbando dell’oro nero, i miliziani del califfato trovando terreno fertile in una Libia allo sbando, stanno conducendo una lotta di conquista in zone fondamentali per rafforzare la propria presenza nello stato nord africano uccidendo leaders civili e militari che si contrappongono al loro progetto. Che prevede la conquista e il controllo della zona intorno ad Agedabia. Questa piccola cittadina è di fatto uno snodo cruciale della rotta del petrolio essendo vicina alla costa mediterranea, equidistante da Sirte e da Bengasi, una zona prospera di petrolio sita a pochi chilometri dai pozzi, dagli oleodotti e dai porti d’imbarco ed è sulla strada che collega il Sud del paese con il Sudan, il Ciad ed il Niger. Non c’è niente di più dirompente di un’ oppresso che lotta per la sua libertà e questo Enrico Mattei, il ‘santo petroliere’ lo sapeva.
01/02/2018 15:39:05

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=68
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.