ATTUALITÀ

Macerata-Loreto,
i 40 anni
del pellegrinaggio
piu' famoso

Maurizio Verdenelli
Da domani sera all'alba di domenica centomila (da tutt'Italia) in marcia. L'idea venne nel 1978 ad un prete-rock, don Giancarlo Vecerrica, tolentinate, parroco a Macerata. Erano i primi tempi delle messe al ritmo musicale delle chitarre e don Giancarlo sacerdote ed insegnante era (ed e') dalla parte dei giovani. Una vaga rassomiglianza con don Loris Capovilla, mitico segretario del Papa Buono, don Giancarlo organizzo' nel giugno del lontano 78, a conclusione dell'anno scolastico, una passeggiata da Macerata al santuario di Loreto per dire grazie a Maria per il buon esito degli studi. 40 anni fa si trovarono in poche decine dietro al don/prof: nel 2017  sono stati centomila. In qyattri decenni il Pellegrinaggio ha conosciuto una escalation impressionante di adesion, ed un giorno di giugno, a metta' degli anni 90, tra i pellegrini ci fu pure un papa, san Giovanni Paolo Ii.
Don Giancarlo ora vive a Fabriano di cui e' vescovo emerito. Era comunque presente ieri con i suoi pupilli, Ermanno Calzolaio (presidente del Pellegrinaggio) e Carlo Cammoranesi (capo ufficio stampa) alla consueta presentazione del pellegrinaggio. Con loro mons. Nazzareno Marconi, vescovo di Macerata e il sindaco del capoluogo, Romano Carancini.
Il papa non verra' ma, al solito, non fara'  mancare la sua tradizionale telefonata domani sera allo stadio Helvia Recina quando (ore 20.30) il cardinal Ouellet celebrera' la messa prima della grande partenza.
A sottolineare la vocazione ospitaliera di Macerata (patrono San Giuliano) la presenza di due quindicenni nigeriani sbarcati in Sicilia. Una scelta che cade in un momento particolare: la caduta dell'accusa principale per omicidio di due giovani nigeriani per la morte di Pamela, l'ira della famiglia della giovane vittima dopo la svolta delle indagini e le scritte contro il questore Pignataro e il ministro Salvini. Una miscela esplosiva e non a caso nella conferenza stampa del quarantennale, Carancini ha avuto la buona occasione per dichiarare:"Macerata resta una citta' accogliente. Quello del pellegrinaggio e' uno degli eventi maggiori dell'anno. E' un' edizione particolare, abbiamo tanti pensieri. C' e' bisogno di leggerezza'.
08/06/2018 21:51:49

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=513
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.