ATTUALITÀ/Marche/umbria

ANAS: ARMANI AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE. PRESIDENTE CASCETTA

Maurizio Verdenelli
L’assemblea degli azionisti dell’Anas all’indomani della formalizzazione della nuova società con FS (il colosso delle infrastrutture conta ora 80.000 dipendenti ed un fatturato annuo di 11, 2 miliardi di euro) ha nominato questa mattina un nuovo presidente del Consiglio d’amministrazione. E’ Ennio Cascetta a prendere il posto di Gianni Vittorio Armani al vertice Anas dal 18 maggio 2015, appena qualche mese dopo l’inaugurazione (avvenuta a metà gennaio) del tratto Bavareto-Colfiorito della superstrada Valdichienti. Una cerimonia, questa, che aveva rappresentato “l’ultima volta” per Pietro Ciucci e pure per il ministro Maurizio Lupi, sostituito da Graziano Delrio. In realtà Armani, che a luglio 2016 ha partecipato al taglio del nastro dell’intera superstrada (in galleria La Palude, in territorio folignate) rafforza la sua posizione all’interno di Anas, che ha conferito le sue azioni a Ferrovie dello Stato: confermato nel consiglio d’amministrazione e nominato nelle ‘nuovissime’ cariche di Amministratore delegato e Direttore generale. Con Armani resta nel Cda Cristiana Alicata,  ‘new entry’ le consigliere Vera Fiorani ed Antonella D’Andrea.

Con Armani si rafforzano anche le politiche ‘viarie’ a sostegno di Marche ed Umbria (nell’ultima riunione il cda ha votato il finanziamento di 41 milioni per la rete viaria all’interno del ‘cratere sismico’): con oltre il 92 per cento delle quote in Quadrilatero spa, Anas è stato infatti il braccio operativo delle opere in cantiere della società amministrata da Guido Perosino. A luglio è prevista infatti l’inaugurazione dell’asse Perugia-Ancona, finanziata completamente risulta la Pedemontana Fabriano-Muccia (con adeguamento del minisvincolo di Muccia risultato provvidenziale per non lasciare isolate le aree interne devastate dal terremoto). In arrivo infine, seppure con modifiche in extremis, il sospirato ‘limes’ civitanovese della superstrada Valdichienti attualmente ‘presidiato’ da un semaforo a bloccare in estate comitive di gitanti dall’Umbria.

Sostegno, il 17 scorso al Mibact, Armani ha ufficialmente dato alla strategia ‘dell’archeologo di cantiere’ al fine di trasformare in opportunità quello che era ritenuto fino ad oggi un problema: l’interferenza archeologica nei mille cantieri annuali dell’Anas (e non solo). Archeolog onlus, presidente Guido Perosino, è lo strumento di questa nuova mission (finalmente “ragionevole” ha chiosato la direttrice generale del ministero, Caterina Bon Valsassina). E ‘la Fanciulla di Plestia’ e i ‘Carri’, clamorosi ritrovamenti sull’altopiano di Colfiorito sui due versanti regionali, sono i testimonial di questa nuova politica di apertura al ‘futuro che è passato da qui’ come dall’azzeccato slogan che sostiene il Patto sottoscritto a Roma, al ministero con la ‘benedizione’ di Franceschini e Delrio.
24/01/2018 14:25:36

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=47
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.