SCIENZA/Medicina

Reni e fegato trapiantati
a tre persone
dopo la donazione
degli organi
della donna di Deruta
morta dopo
un incidente
stradale.

Ufficio Stampa
Un uomo ed una donna rispettivamente di 69 e 67 anni, residenti in Umbria, d'ora in avanti non saranno più costretti alla dialisi, alla quale erano costretti da tempo, grazie al trapianto di rene cui sono stati sottoposti nella giornata di domenica 27 maggio da parte di una equipe multidisciplinare del S.Maria della Misericordia, con il coordinamento del centro regionale trapianti diretto dal Dr.Atanassios Dovas. I due interventi chirurgici, come riferisce una nota dell'ufficio stampa dell'Azienda ospedaliera di Perugia , sono stati eseguiti da una equipe di chirurgia generale e vascolare dei dottori Paolo Baccari e Massimo Lenti, coadiuvati dal Dr.Gianfranco Carlini e dalla anestesista Chiara Fiandra, mentre del gruppo multispecialistico di strumentisti e infermieri del blocco operatorio "Vittorio Trancanelli hanno fatto parte Alberto Calascione, Emiliano Mercantini, Chiara Alfonsi e Fabiola Paoloni). I prelievi di reni e fegato erano stato effettuati dopo il periodo di osservazione dopo la morte cerebrale della donna di 67 anni rimasta vittima di un incidente stradale avvenuto nella giornata di venerdì nel comune di Deruta, è trasferita nel reparto di Rianimazione, in gravissime condizioni. Sempre nella mattinata di domenica un equipe di chirurghi dell'ospedale "Agostino Gemelli" aveva effettuato il prelievo di fegato, organo compatibile per un paziente in attesa di trapianto e ricoverato presso il nosocomio romano.

29/05/2018 08:10:00

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=449
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.