SPORT

Tre ‘grifoni’ superstar
nel panorama sportivo:
Walter Sabatini,
Fabio Grosso e Serse Cosmi

Maurizio Verdenelli
Ancora l’ombra del Grifone sulle vicende del grande calcio. Mentre i due ‘perugini’ Allegri e Gattuso (leggi l’articolo) stanno per misurarsi a Torino nel clou della prossima giornata del campionato di serie A per una sfida Juve-Milan che promette d’essere il crocevia essenziale dello scudetto (stavolta chi lascerà il posto a chi dopo il passaggio di consegne da Max a Rino al ‘Curi’ tanti anni fa?), due altri grandissimi grifoni si sono misurati ieri in serie B. Da una parte Cosmi, attuale trainer di un Ascoli che partita dopo partita sta portando fuori dalla retrocessione (tocca ferro Serse!), dall’altra Fabio Grosso, allenatore di un Bari che aspira al passaggio in serie A. L’Ascoli, come noto, si è aggiudicato (1-0) tre punti d’oro in chiave salvezza: il maestro ha ancora avuto partita vinta con l’allievo, campione del mondo nel 2006 a Berlino, che ha visto fermarsi a sette (numero davvero poco magico!) la striscia super. I due si sono abbracciati ricordando i tempi eroici del Perugia, quando Cosmi inventò Fabio ‘terzino’ fluidificante da trequartista che era spianandogli la strada verso un grande successo sportivo culminato con il titolo in terra tedesca dodici anni fa. “Vai Grosso sulla fascia!” e Fabio galoppava sino alla porta avversaria seminando sgomento e vuoto tra le fila avversarie. Il terzo personaggio perugino che sta riempiendo i giornali di sé è l’ex golden boy Walter Sabatini che ha lasciato un po’ a sorpresa il gruppo Suning, di cui era il coordinatore tecnico tra Cina (Jiangsu) ed Italia (Inter). Walter, già ds alla Roma, ha lasciato uno stipendio da 10 milioni di euro all’anno perché non riteneva congruo il budget a disposizione per il rilancio delle due squadre, quella cinese, lo Jiangsu, affidata a Fabio Capello che mediterebbe un pari passo. Chi resta invece è mister Spalletti con cui Sabatini sperava di ripetere gli exploit a Roma e al quale ha augurato ‘un grande prossimo quinquennio’. Per concludere un ultimo episodio che lega il Sabatini giocatore del Perugia a Serse Cosmi, e pure il Bari, raccontata ad Overtime qualche anno fa, durante il festival degli eventi sportivi che tiene annualmente a Macerata. “Eravamo quasi alla fine del campionato, il Perugia era messo malino e stavamo perdendo dopo il 1. tempo per 0-3 in casa proprio contro il Bari in uno drammatico scontro salvezza. Nel rientrare, mentre ero naturalmente furente, mi si avvicina sorridendo Sabatini e mi dice sogghignando: ‘Pare che Gaucci stia già telefonando a Norcia per prenotarci il ritiro’. Era un rito terribile che noi tutti volevano ogni volta esorcizzare: per giorni lontani dalle nostre famiglie. Ma tanto bastò quell’accenno di Walter perché mi calmai e negli spogliatoi sorpresi i miei giocatori che si attendevano, visti i miei precedenti, che almeno me …li ’mangiassi’. Invece stetti in silenzio e loro, i grifoni, si preoccuparono ancora di più. Ottenni dunque l’effetto sperato. Nei secondi 45’ il Perugia si trasformò e la partita-salvezza ci vide vincere per 4-3”.
29/03/2018 23:44:12

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=244
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.