ATTUALITÀ/Marche/umbria

Superstrada mare monti, al via i lavori per rotatoria e sottopasso a Civitanova Marche, svincolo per Muccia ancora percossa dal sisma

Pronti 43 milioni di euro per allacciare finalmente Macerata alla ‘Valdichienti’

Maurizio Verdenelli
Buona notizie per gli umbri che quest’anno in attesa del completamento della Perugia-Ancona, torneranno sulla costa maceratese per il tramite della superstrada Foligno-Civitanova Marche. Entro marzo ci sarà l’approvazione del progetto definitivo per procedere alla pubblicazione degli espropri ed avviare la conferenza di servizi riguardo alla rotatoria di allaccio delle statali 77 e 16 a Civitanova Marche e il sottopasso ferroviario, per una spesa di 11, 862 milioni di euro. Mai più dunque lunghe fila all’uscita di Civitanova a conclusione di una superstrada ‘affidata’ finora ad un semaforo.
Buone notizie anche per i lavori di un maxisvincolo (rispetto a quello ‘mini’ attuale) sulla superstrada quasi al confine con l’Umbria all’altezza di Muccia stanotte ancora squassata dalle scosse del terremoto: magnitudo 3,5 e 3.4 in circa quaranta minuti a cavallo della mezzanotte, a 10 chilometri di profondità. La Pedemontana delle Marche, così definita, da Fabriano a Matelica ‘lievita’ nei costi di 27 milioni di euro: nel budget c’è pure la realizzazione dello svincolo che da Muccia conduce nelle aree interne della Valnerina, a Visso, Ussita, Preci, Norcia. Un attracco costruito in fretta e furia in trenta giorni, forse inadeguato al momento ma provvidenziale perché un mese dopo, il 24 agosto 2016, l’intera area attraversata perpendicolarmente dalla grande infrastruttura viaria venne attraversata rovinosamente dal terremoto. E dalla strada, praticamente illesa dalle spaventose onde d’urto del sisma, quell’ampio territorio venne salvato dall’isolamento.
Importante la terza novità che riguarda l’allaccio di Macerata alla superstrada Valdichienti. Novità emersa dal tavolo tecnico dei soci della Quadrilatero Marche Umbria spa che si è svolta ieri a Roma presenti le istituzioni delle due regioni al tavolo con Anas che ha il 92,80 delle azioni della Spa di cui è amministratore unico il dottor Guido perosino.
Ancora entro questo marzo saranno trasmessi all’Anas la nomina del responsabile del procedimento e l’atto motivato per l’avvio della gara di progettazione relativi all’Intervalliva Pieve-Mattei (43 milioni di euro). Dopo tanti anni di opposizioni faziosissime (!) e rinvii pare questa la volta buona per la città ‘addormentata sulla collina’ come cantava Jimmy Fontana.
09/03/2018 07:43:06

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=169
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.