POLITICA

L’ira degli dei

La vostra politica è un surrogato del pensiero.

Erodoto
Eccoci ancora a parlare di cose antiche poiché ho dimostrato nei miei interventi precedenti che poche cose cambiano nella vita, figuriamoci le elezioni. Debbo dire, tuttavia, che pensando ai miei tempi ho riflettuto su un tema particolare legato alle mie vecchie divinità.
La questione funziona così: chi pecca di hybris, cioè di tracotanza, merita Il castigo divino.  Il castigo divino si abbatte su chi è prepotente, pecca cioè di questa tracotanza. Mi limito quindi ad una lettura mitologica degli attuali fatti  che vi accadono e che tanto inutilmente vi impressionano. Dico della Vittoria alata  e della perdita totale di alcuni partiti, nell'avanzare di un partito che ha un nome stellare che a me non dispiace, partito che ha sbaragliato tutti gli altri e ha fatto cappotto. Come cadde ai tempi di Salomone il tempio, così è caduto il tempio del partito più importante per voi, quello che una volta si chiamava comunista e che poi con le varianti dei tempi è diventato PD. Credo che sia caduto un intero sistema poiché il tempio e le colonne che sorreggevano questo partito erano colonne ben cementate, ben strutturate in tutta la vostra Italia, con l'universo di Uomini e Donne che lavoravano in funzione, anche, della Tenuta del tempio. Eppure tutto si è concluso, si e frantumato, si è polverizzato. Il  popolo ha annusato certi Inganni, oppure più semplicemente era stanco o ancora più precisamente ha agito fisiologicamente, per istinto, e  ha voluto il nuovo ad ogni costo, perché del vecchio era stanco, perché il vecchio lo aveva deluso profondamente e da molti anni.
Vi è una perdita di mitologia e di quell'aura storica che una volta sosteneva il  cuore e le emozioni dei partiti, questa Aura, questa storia è persa, e tutto si risolve in una comunicazione veloce e  frantumata. Io odio, e sono lontano dal vostro modo di fare politica, poiché voi vi affidate  alla velocità dell'informazione, privilegiando una informazione il più delle volte rattoppata  e mistificante, quando non addirittura di parte, celata o omissiva. Tuttavia sotto l'alloro delle grandi testate nazionali si  tenta ancora di dare dignità a frasi fatte, ma come si sa, perseverare è diabolico. Non vi è pensiero in questo tipo di vostra politica e in mancanza di questo è ben chiaro che possa vincere un partito come quello stellare che certamente pur non avendo radici storiche proprio per questo meglio si innesta nella vostra società la cui politica è diventata semplicemente spettacolo. Voi non vi occupate più di storia, voi non conoscete la storia, voi non sapete interpretare la storia, la riducete a brevi frasi, la chiamate narrazione o storytelling e questo mi irrita poiché io, Erodoto, ho dato tutto per l’amore della Storia.
Voi non meritate altro che la vendetta degli Dei e le Divinità vi  hanno inviato come punizione queste cinque stelle che vi bloccheranno qualsiasi altra possibilità di fare ciò che alla grande filosofia greca ripugnava, vale a dire la sofistica. Sì perché dovete sapere che i sofisti sono i grandi ingannatori perché usano il linguaggio ai  fini di confondere l'opinione pubblica, essi utilizzano le emozioni grazie a parole vuote, a parole di effetto: mi sembra, dovete concedermelo, di assistere ad una grande teatralizzazione di pessimo gusto, peraltro. Eppure le Oche del Campidoglio vi avevano avvertito, vi avevano invitato ad essere più leali e semplici, più vicini al popolo che voi volete governare. Neppure questi splendidi animali, nonostante i ripetuti segnali di allarme, hanno fermato la vostra tracotanza, la vostra inimitabile superbia. Voi italiani che insieme a noi greci avete “fondato” le radici culturali della vostra Europa, avete tradito le vostre radici e sostituito il pensiero storico e politico col “pensiero economico”, il vero vincitore ormai da più di venti anni. Solo di questo sapete parlare, starnazzando ed eseguendo ossequiosamente  queste vostre “surrogate” divinità, avete eretto il Mercato ad una nuova divinità. Ma state attenti, poiché questo è l’inizio di una nuova tribolazione, sappiate che gli Dei non sono sempre amorevoli, essi sanno punire, e lo fanno di brutto poiché avete rotto gli argini della ragione e della vostra stessa civiltà.
07/03/2018 07:34:19

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=162
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.