STORIE

Mille volte donna

Nicoletta Camilla Travaglini

Da alcuni anni a questa parte, dopo l’uscita del mio ultimo libro “Dee, fate, streghe dall'Abruzzo intorno al mondo”, mi è stato chiesto in più occasioni di tenere una serie di conferenze sulla condizione delle donne nella storia; purtroppo a causa di una serie di sfortunati eventi, per citare un famoso film, non mi è stato possibile farlo, perciò ne ho approfittato sia per riflettere e sia per raccogliere ulteriori contributi ed idee su questo tema. Scrivo nell’introduzione del mio libro Dee, fate, streghe dall'Abruzzo intorno al mondo:

Fin dagli albori della storia l’uomo ha sentito il bisogno di attribuire i fenomeni naturali al potere di entità sovrannaturali. Il lasso di tempo che va dal 6500 al 4300 a.C., conosciuto anche come “rivoluzione neolitica”, fu caratterizzato dalla coltivazione regolare dei campi e dall’allevamento degli animali. Questa società, probabilmente matriarcale, nel culto, nelle arti e nella tecnica aveva come divinità di riferimento la Grande Madre Terra…Nelle società matriarcali la Madre Terra era considerata l’unica e sola divinità, ma con il passare del tempo e con l’avvento del patriarcato le fu equiparata una divinità maschile che crebbe a tal punto d’importanza da mettere in ombra la sua egemonia, fino a sostituirla del tutto...:”.1 La donna, in generale, nella storia, è stata sempre considerata una comprimaria nei casi in cui non è stata considerata inutile, trasparente e dannosa come ad esempio nei periodi oscuri della Santa Inquisizione o della caccia alle streghe in cui l’unica colpa era quella di essere donna e di ragionare con la propria testa e per dirla alla Amelia Ledesma della telenovela spagnola “Amar es para siempre” nella quale si definisce “ una donna libera e padrona del suo destino” e quindi sostiene con forza e determinazione di non avere padroni come ribadisce più e più volte a suo padre, che durante gli anni bui del franchismo e della transizione, pretendeva di essere signore e padrone delle sue donne: della moglie, ridotta quasi in schiavitù, e della figlia, da cui esigeva obbedienza assoluta in qualità di padre e di uomo della famiglia. Il personaggio di Amelia, interpretata magistralmente da Carol Rovira, ci rimanda alla figura di donna passionale e passionaria. Meno teatrali di Amélia ma con un forte spessore caratteriale sono le altre donne di “amar es para siempre” come: la ostinata, graziosa, a volte avventata Maria Luisa Gómez o Luisita, interpretata dalla bravissima Paula Usero. Luisita è: “Hija de Luisa e Ignacio, familiares de los Gómez, Luisita nació mientras sus padres se escondían como maquis en el monte Cerro Moreno. Tras este trágico suceso, Manolita emprendió una incansable búsqueda de su sobrina y, finalmente, consiguió traerla de vuelta a casa. Los Asturianos la criaron como a una hija más. Luisita siempre fue una niña feliz y plenamente consciente de sus orígenes. Manolita se ocupó de contarle la historia de sus padres. Luisita, por tanto, asumió desde siempre con total normalidad esta dualidad, entendiendo desde bien pequeña que poseía unos progenitores que estaban en el cielo y que sus otros padres eran Marcelino (Manu Baquerio) y Manolita (Itziar Miranda). Luisita, destaca por ser una persona alegre, optimista, luchadora y ciertamente inocente. Resalta también su inquietud y su personalidad marcadamente curiosa, que la lleva a estar siempre a la caza de nuevas metas que alcanzar. De hecho, sus ganas de crecer profesional y personalmente la llevarán, a sus dieciocho años, a marcharse a Barcelona con su hermana y con sus tíos a estudiar secretariado para labrarse un futuro. Sus padres accederán por fin a dejarla volar del nido para vivir con su hermana Lola. Una vez en Barcelona, Luisita dejará de lado sus estudios, sin avisar a sus padres. Pero los Gómez no tardarán en descubrir la verdad...”2 Manolita Sanabria, matrigna di Luisita interpretata in maniera magistrale da Itzíar Miranda che viene definita come: “Mujer valiente que afronta adversidades, se adapta a las circunstancias, su mirada es bondadosa, sus abrazos reconfortan, sus manos ayudan, dan calor y sus palabras alientan, ella es hogar. Así es Manolita Sanabria, el alma de 'Amar es para siempre'. Un personaje que representa un amplio abanico de cualidades y es el vivo reflejo de situaciones en las que, cada mujer puede sentirse identificada…una mujer que ama sin límites..”3 La bellezza di questa telenovela spagnola risiede, senza dubbio, nell’affresco storico ottimamente ricostruito che ricorda in maniera abbastanza marcata, da testimone oculare, la vita di quel periodo nel Meridione d’Italia. Ma chi è Amelia: “Vedette, actriz, emprendedora, lesbiana. Luchadora. Así es Amelia Ledesma, una mujer acostumbrada a los tropiezos pero que no deja de levantarse una y otra vez para seguir con la lucha. Amelia es hija de un matrimonio muy conservador. Su padre, militar y radicalmente tradicional, es quien lleva la voz cantante en su casa, mientras que su madre queda irremediablemente en un segundo plano de inferioridad y sumisión. Es triste ver hablar a Amelia de ellos, no solo porque su padre la rechace cuando se entera de su sexualidad y de que quiere ser actriz y cantante, sino porque su madre decide quedarse con él en vez de huir con ella. A pesar de esta ruptura forzosa con su familia, Amelia viaja de Zaragoza a Madrid para seguir luchando por sus sueños y rodearse de gente que la acepte y la quiera tal y como es. Conocemos a Amelia Ledesma cuando llega a la Plaza de los Frutos en el año 1975. Aunque empieza siendo una de las camareras del Hotel La Estrella, pronto descubrimos que esta jóven es mucho más. Derrochando talento por los cuatro costados debuta en el King’s como vedette… conociendo a Luisita por el camino a historia de Amelia es imposible de contar sin hablar de Luisita. Y no porque su sexualidad sea lo más importante de este personaje, sino porque es a partir de su relación con la hija de los Gómez, primero de amistad y luego de mucho más, que la conocemos a ella, a su pasado y a su familia. Amelia es una mujer que sabe lo que quiere y está dispuesta a pelear todo lo que haga falta para conseguirlo. Segura de sí misma, en cada actuación se desnuda para ofrecerse al público de la manera más pura, convirtiéndose en lo que siempre ha soñado ser. Y en paralelo, poco a poco se va desnudando también emocionalmente cuando se acerca a Luisita y al resto de los personajes del barrio. Descubrimos así a una Amelia que, aunque valiente, también tiene inseguridades, que ha tenido una vida difícil por ser una artista lesbiana para la que la sociedad de los 70 quizás no esté preparada aún. Sin embargo, ella defiende una y otra vez sus actuaciones, su libertad para expresarse y ser ella misma encima del escenario sin necesidad de justificarse, y en eso Luisita es una gran aliada. Luisita hace que vuelva a enamorarse después de varias aventuras con mujeres y un prometido plantado en el altar. Es su apoyo incondicional, en las buenas y en las malas… y malas en ‘Amar en para siempre’ hay muchas. Después de luchar por hacer entender a los Gómez su relación con Luisita, llega un palo de los gordos. Amelia tiene que pasar por el hospital y su padre aprovecha la ocasión para internarla e intentar “curar su homosexualidad” con electroshock. Cuando los Gómez y compañía consiguen rescatarla de la terapia, Amelia tiene que volver a levantarse y reencontrarse a sí misma para permitirse volver a querer a Luisita y recuperar su pasión por el escenario. Pero no lo hace sola. orque Luisita es también una familia. En Marcelino encuentra la figura paterna que siempre le ha faltado, ese amor incondicional que lo puede todo, que acepta lo que le toque. Los Gómez se convierten en su familia. Aunque Luisita y ella se separan durante un tiempo, sus caminos vuelven a cruzarse, y cuando Amelia vuelve definitivamente a Madrid después de su aventura parisina, lo hace para abrir una librería en la que compartir historias prohibidas. Una vez más no se deja intimidar, y entre amenazas y avisos en clave de sabotaje vemos otra vez a una Amelia convencida que se levanta y lucha. Y en la versión actualizada del personaje al 2020 que vemos de en ‘#Luimelia’ la esencia de Amelia Ledesma sigue intacta. Aunque con algo de ayuda de una Luisita siempre más pasional, Amelia sigue guerrera, poniendo a la gente que no la respeta en su sitio y entregándose al amor.”4 A proposito di tradizioni un altro contributo ci viene da Laura Esquivel che nel suo libro "Como Agua para Chocolate" ci racconta che: “Dicen que al buen entendedor pocas palabras, así que después de escuchar esta frase todas sabían qué era lo que tenían que hacer. Primero recogían la mesa y después se repartían las labores: una metía a las gallinas, otra sacaba agua del pozo y la dejaba lista para utilizarla en el desayuno y otra se encargaba de la leña para la estufa. Ese día ni se planchaba ni se bordaba ni se cosía ropa. Después todas se iban a sus recámaras a leer, rezar y dormir. Una de esas tardes, antes de que Mamá Elena dijera que ya se podían levantar de la mesa, Tita, que entonces contaba con quince años, le anunció con voz temblorosa que Pedro Muzquiz quería venir a hablar con ella... ¿Y de qué me tiene que venir a hablar ese señor? Dijo Mamá Elena luego de un silencio interminable que encogió el alma de Tita. Con voz apenas perceptible respondió: — Yo no sé. Mamá Elena le lanzó una mirada que para Tita encerraba todos los años de represión que habían flotado sobre la familia y dijo: — Pues más vale que le informes que si es para pedir tu mano, no lo haga. Perdería su tiempo y me haría perder el mío. Sabes muy bien que por ser la más chica de las mujeres a ti te corresponde cuidarme hasta el día de mi muerte. Dicho esto, Mamá Elena se puso lentamente de pie, guardó sus lentes dentro del delantal y a manera de orden final repitió. — ¡Por hoy, hemos terminado con esto! Tita sabía que dentro de las normas de comunicación de la casa no estaba incluido el diálogo, pero aun así, por primera vez en su vida intentó protestar a un mandato de su madre. — Pero es que yo opino que... — ¡Tú no opinas nada y se acabó! Nunca, por generaciones, nadie en mi familia ha protestado ante esta costumbre y no va a ser una de mis hijas quien lo haga. Tita bajó la cabeza y con la misma fuerza con que sus lágrimas cayeron sobre la mesa, así cayó sobre ella su destino. Y desde ese momento supieron ella y la mesa que no podían modificar ni tantito la dirección de estas fuerzas desconocidas que las obligaban, a la una, a compartir con Tita su sino, recibiendo sus amargas lágrimas desde el momento en que nació, y a la otra a asumir esta absurda determinación.5 La tradizione descritta con grande perizia nell’opera della Esquivel era molto costumata tra otto e novecento in molte zone interne dell’Abruzzo e non solo! Le famiglie abruzzesi di quel periodo erano molto numerosi in quanto le donne erano fertili dai 13/15 ai 30 anni circa e avevano frequenti gravidanze durante questo arco di tempo, quindi, non era raro avere una media di 15/20 figli per ogni nucleo famigliare. Molti di questi figli però non sopravvivevano o andavano a cercar fortuna all’estero e per questo motivo si sacrificava la figlia minore che non si sposava per poter accudire i genitori nella loro senescenza. I rapporti genitori figli erano molto freddi o inesistenti poiché c’era il padre padrone e la madre succube della famiglia del marito. Essi vivevano in case molto piccole e in stanze anguste e sovraffollate in cui l’incesto era pratica “normale” o perlomeno tollerata in quanto era sempre e comunque “colpa” della donna per tutto ciò che le capitava. In alcuni casi “il figlio della colpa” veniva ucciso o dall’autore della violenza o dai genitori e, in molti casi, si dava la colpa alla vittima che finiva in prigione, dove, dopo diversi e ripetuti abusi, moriva nell’indifferenza generale. Molte bambine nelle famiglie numerose venivano uccise dalla madre e in molti casi si usava ammazzarle lasciandole una notte al freddo in una tinozza di acqua gelida e se il giorno dopo sopravviveva, ella, la bimba era salva e aveva “l’onore di fare da badante ai propri genitori!”. Le donne avevano, con i propri figli, un rapporto molto distaccato poiché sapevano che, in questa società così poco attenta ai bisogni dei fanciulli, essi non sarebbero sopravvissuti a lungo e, così, ci si preparavano a un eventuale lutto attraverso riti della quaresima e della Settimana Santa con la cerimonia della vestizione delle Madonne o “Conocchie” in Spagna le “Macarene”.

Questo rituale della vestizione consisteva nel cucire i vestiti per queste statue sia a grandezza naturale che piccole, poiché ogni casa possedeva una “Conocchia” o statua della Madonna che veniva vestite con un rituale ben preciso e a cui ci si rivolgeva per essere confortate, poiché la Madonna conosceva il dolore per la perdita di un figlio. Per questo motivo, il Venerdì Santo, le donne consolavano la Madonna in maniera tale che essa avrebbe potuto fare altrettanto con loro nel momento della perdita di un figlio. Abbiamo parlato di donne coraggiose, temerarie, passionarie e appassionate come ad esempio lo erano le brigantesse come scrivo in un articolo dedicato a una di loro: “Nell’ottocento le donne erano “le regine del focolare domestico”, le signore dell’alta società erano considerate, invece, alla stregua di merce di scambio per combinare vantaggiose alleanze. Le aristocratiche avevano come vezzo quello di svenire, le popolane, invece, abituate al duro lavoro dei campi, non disdegnavano grandi sacrifici. Non desta meraviglia, quindi, che il gentil sesso abbia avuto un ruolo attivo durante il brigantaggio, condividendo con i loro colleghi maschi pericoli, rocambolesche fughe, oltre che ai lavori forzati, per sottacere le torture e i plotoni d’esecuzioni. Queste donne non erano solo e semplici “mantenungole”, cioè collaborazioniste, “drude” o “ganze”, termine denigratorio per indicare fidanzate, amanti, compagne o mogli dei briganti, molte di esse, invece, erano vere e proprie brigantesse, molto più spietate e determinate degli uomini rappresentando gli effettivi boss. Molte di esse furono incriminate come autrici di efferati delitti, per fortuna, furono poche quelle che finirono giustiziate, poiché l’autorità giudiziaria le condannava, di regola, a 15 anni di lavori forzati o ergastoli, a differenza dei loro colleghi maschi che furono quasi tutti torturati e giustiziati. Esse vestivano come uomini, maneggiavano le pistole, fucili coltelli e qualsiasi altro strumenti di offesa, come degli esperti uomini d’arme, nascondevano le loro lunghe capigliature sotto il cappello all’aspramente, cioè a larghe falde, e alcune di loro riuscivano anche a dissimulare gravidanze calcolate, così da usufruire i benefici della legge; era difficile, quindi, per i soldati riconoscerle se non all’atto dell’arresto. Molte donne furono seviziate dagli allora tutori dell’ordine e questo fu, forse, causa di suicidio di molti militari di leva, che dovettero assistere, tra le tante crudeltà, anche a efferatezze del genere. Queste brigantesse erano molto appassionate, cioè amavano i loro uomini fino a lasciare il consorzio civile e “darsi alla macchia”; ma pretendevano di essere ricambiate alla stessa maniera e una volta tradite, esse non esitavano a denunciarli o ucciderli con le proprie mani. Una di queste figlie d'Eva dell’Italia preunitaria, si legò a un brigante, diventando brigantessa a sua volta. Quest’uomo violento, al disgregarsi della sua banda, andò a vivere con la sua compagna, suo figlio piccolo e due cani feroci, in uno dei tanti anfratti tra la Calabria e la Basilicata; l’uomo odiava suo figlio e quando una sera, braccati dalla forza pubblica, il bambino iniziò a piangere, l’uomo lo scaraventò contro una roccia appuntita e fracassandoli la testolina. La donna, chiusasi in un mutismo pieno di odio, seppellì il bambino, ma quando il bruto si addormentò gli sparò un colpo di pistola in mezzo alla fronte; dopodiché, tagliatagli la testa, la portò al primo posto di polizia riscuotendo la taglia che pendeva sul capo del suo compagno. Questo fatto alquanto cruento ci dà la misura delle grandi passioni di cui esse erano capaci. Un’altra di queste donne non esitò a trucidare la sorella quando seppe che aveva avuto una relazione con il suo uomo, e nonostante la famiglia la ripudiò, essa non si disse per nulla pentita dell’omicidio. Queste “signore” erano per la maggior parte ex prostitute, ma non mancavano donne oneste o addirittura anche aristocratiche come contesse, duchesse, etc. affascinate da questi uomini “belli e dannati”. Un caso emblematico è quello della duchessa Anna Durante, figlia di un inflessibile magistrato ucciso crudelmente dai briganti. Il duca Giovanni Durante era un magistrato molto severo, poiché aveva fatto impiccare molti briganti ed era un alto funzionario della procura pugliese. Egli era considerato un vero nemico di questi fuorilegge, così i fratelli Vardarelli, Gaetano, soprannominato anche il “Gran Vardarello”, Giovanni, Geremia e la sorella Anna Antonia Meomartino, che erano molto temuti anche nella zona dell’alto vastese, un pomeriggio mentre l’anziano magistrato riposava, lo presero ed impiccarono a un grosso albero del suo giardino. Poco dopo si udirono dei colpi di fucile dall’interno della casa e il Gran Vardarello, entrato di soppiatto, catturò Anna Durante, mentre cercava di ricaricare il fucile. La leggenda vuole che questa si innamorasse perdutamente del suo aguzzino e, rinnegata dall’aristocrazia dell’epoca su di lei e sul suo grande amore scese l’oblio. Sarebbe scontato pensare che questi fuorilegge fossero così efferati, in vero, anche i tutori dell’ordine non erano così benevoli nei confronti di queste persone “al limite”. Secondo testimonianze dell’epoca, molti uomini e donne furono accusate ingiustamente di crimini non commessi e si videro confiscare i loro pochi beni da burocrati e funzionari corrotti, i quali, per un semplice sospetto, potevano incriminare onesti cittadini, i quali si davano alla macchia per potersi salvare. In quei tempi così turbolenti si era diffuso un clima da “caccia alle streghe” e un semplice pettegolezzo diffuso da persone maligne o interessate, poteva diventare, in sede di tribunale, una condanna a morte con conseguente rovina finanziaria di tutto il parentato. Un caso rappresentativo potrebbe essere quello di Maria Suriani la quale fu probabilmente accusata ingiustamente di mantenungolismo. Nel maggio del 1866 la banda Cannone ebbe uno scontro a fuoco con i militari nelle campagne di Atessa, vistosi a mal partito il brigante Domenico Valerio, detto Cannone, si disfece di diversi oggetti tra cui una tunica decorata, nel cui interno vi erano dei fazzoletti ricamati e delle lettere d’amore indirizzate a lui personalmente. Queste lettere portavano la firma di Maria Suriani, una bella ventenne bionda, nata ad Atessa nel 1846 essa ebbe una storia d’amore con il brigante Capitano Cannone ma il suo idillio si interruppe bruscamente nel 1863. Maria Suriani di Pasquale, era una contadina benestante, e aveva un reddito di circa “Mille Lire” di quel tempo; essa viveva con i suoi genitori anche essi contadini. Questo “status sociale” attirò la rivalità di alcuni parenti e vicini, che rosi dall'invidia non esitarono a denunziare questa ragazza, forse, innocente. Una sera come tante altre Cannone e il suo luogotenente Policarpo Romagnoli andarono a fare visita ai vicini e parenti dei Suriani, i Tano, passarono alcune ore e Domenico Valerio e il suo vice entrarono come due furie nella casa di Maria e avvicinatisi a Pasquale gli diedero un sonoro ceffone, minacciandolo di morte se egli avesse fatto la spia presso le autorità. Probabilmente i vicini avevano accusato i Suriani di essere degli informatori al soldo dei “Militi”. Intanto si fece giorno e Pasquale andò, a denunziare questa intimidazione, il sindaco lo rassicurò dicendogli che avrebbe mandato qualcuno per verificare l’effettiva presenza dei briganti in zona. Il contadino uscì trafelato dal Comune e riprese la strada verso casa; ma a casa lo attendeva una dolorosa sorpresa: Domenico e Policarpo lo stavano aspettando e dopo avergli mostrato una lettera del sindaco, nella quale si diceva che il suddetto Pasquale li aveva denunziati per minacce, i due bruti riempirono di botte il malcapitato e appena terminato la loro opera i due andarono alla masseria dei Tano. Passarono alcune ore e sopraggiunsero anche i gendarmi, i quali non vedendo alcun brigante da quelle parti, picchiarono di nuovo il povero contadino per collaborazionismo con i briganti. La figlia, allora raccolse il tumefatto padre e lo mise a letto dove restò per sei mesi, sospeso tra la vita e la morte. Passarono alcuni mesi e Maria fu arrestata con l’accusa di essere la “druda” di Cannone e mandata a scontare le sue colpe in Sardegna; ma dopo nove mesi di custodia cautelare, essa fu ospite delle carceri di Chieti, dove revisionata la causa, fu prosciolta per mancanza di prove, visto che nessuno volle testimoniare contro di lei. Nel 1866 le lettere trovate nella tunica del Valerio rappresentavano quasi una confessione, peccato però che Maria fosse del tutto analfabeta. La legge voleva, comunque trovare in lei un capro espiatori e così il giudice Raffale Finamore pensò bene di far perquisire la casa dello zio di Maria, Fra Camillo, per trovarvi qualche traccia di quelle lettere, dato che in casa di Maria non si era trovato nulla di compromettente; ma anche così non si arrivò a nessuna prova concreta e schiacciante. Maria, comunque, fu condannata ai lavori forzati, ma dopo cinque mesi, con la revisione del processo voluta da Maria stessa essa fu prosciolta per mancanza di prove. A questo punto è legittimo dubitare se Maria fosse davvero l’autrice di quelle lettere; se non le ha scritte lei chi fu l’autore di questo macabro scherzo, infine perché Valerio si disfece solo della tunica e dei fazzoletti che recavano la firma di Maria.”6
In tema di leggende c’è una legata ad un meraviglioso castello quello di Roccascalegna legato alla barbara tradizione dello Jus Primae noctis molto diffuso anche in area ispanica e ispanoamericana nella leggenda si racconta che: “ ….L’ingresso del castello. Dopo aver percorso una lunga gradinata ci si ferma ad ammirare quello che resta di un ponte levatoio che serviva come attraversamento del fossato antistante, oltre che ulteriore difesa del castello. All’interno si può osservare la Torre crollata sulla cui sommità dell’arco vi era scolpito un cuore e che forse rappresentava la camera da letto del temibilissimo barone corvo de Corvis...Il barone era molto tirannico…, comunque per vessare ancor di più i suoi vassalli, impose loro di venerare un corvo nero come le tenebre e chi si rifiutava di genuflettersi al cospetto di questa creatura della notte veniva arrestato e buttato in un pozzo, dove vi erano delle spade conficcate nel terreno che dilaniavano i corpi dei poveri sventurati. A causa di questa sue strane ossessioni, il barone fu ribattezzato dal popolo come Corvo de Corvis, ma il Corvo non pago dei vari soprusi decise di imporre la legge dello “ Jus Primae Noctis”, ovvero “il diritto della prima notte” e quindi chi sposava doveva “ricomprare” la propria moglie in base al pagamento di un tassa stabilita dal signore del castello su canoni che tutt’oggi ignoriamo e coloro che non potevano riscattare la propria sposa… Appena questa legge divenne operativa il reverendo scomunicò il barone e sobillò la folla a ribellarsi, ma i “bravi” del signorotto sorpresero il parroco mentre cercava di mettersi in salvo dagli anatemi del nobile, e lo trucidarono proprio ai piedi del castello. Oramai il destino del barone era segnato e così un giorno si presentarono dal barone due giovani che volevano sposarsi ma l’uomo non aveva i soldi per ricomprarsi la moglie e così fu costretto accettare di cedere la donna per la prima notte. La donna all’imbrunire, dopo essersi sposata, si recò al castello, le porte si aprirono e la donna vide l’interno del mastio illuminato da miglia di fiaccole che rischiaravano il suo cammino. Arrivata che fu alla camera del barone si coricò, ma mentre il barone quarantacinquenne faceva lo stesso, gli spaccò il cuore con un colpo di stiletto. Il de Corvis morente si appoggio la mano sul cuore, nel vano tentativo di fermare il sangue che fuoriusciva copioso dalla ferita, e appoggiò la sua mano insanguinata vicino al suo capezzale, maledicendo la stirpe della sua assassina. La folla inferocita assaltò il maniero uccidendo il corvo e liberando il paese da un incubo che lo aveva attanagliato per anni. La leggenda dice che in epoche diverse si sia provato a cancellare la mano di sangue che campeggiava sul capezzale della camera da letto, ma essa riaffiorava più vermiglia e nitida di prima, finché nel 1940, in seguito a un annata particolarmente piovosa, parte del castello è crollato portandosi via anche la camera dove era successo l’omicidio...”7 Le donne da divinità creatrici di vita diventano prima comprimarie e nel corso della storia sempre più comparse fino a diventare trasparenti e alla fine a scomparire dalla storia. Alcune fonti imputano questo passaggio culturale da una società matriarcale ad una patriarcale al sincretismo cristiano e in particolar modo a Lilith che rappresenta il definitivo passaggio da divinità benefiche a quelle maligne e malefiche come le streghe e tutte le divinità demoniache diffuse durante il medioevo. Lilith era: “Tra le tante divinità che possono essere considerate l’anello di congiunzione tra le dee, le fate e le streghe, Lilith sembra essere quella più appropriata. Lilith è la dea della tempesta ed è un demone femminile. Fu la prima moglie di Adamo ma, disobbedendo ai voleri di suo marito, fu allontanata; nella mitologia islamica è la moglie di Iblis, il diavolo, e la madre di tutti gli spiriti maligni…. Ecate era anzitutto la personificazione della Luna, non priva di aspetti sinistri, la quale presiedeva durante la notte alle strade; la sua statua veniva posta in ogni incrocio, e incuteva paura persino agli spiriti, essendo essa la guida notturna dei morti. Fu ideata con tre teste, le tre fasi lunari, con chioma di serpi, reggente fiaccole e pugnali; siamo in presenza di una delle prime forme di Trinità divina (come per la teologia cristiana nei confronti del proprio Dio) largamente diffusa e conosciuta e di cui si hanno raffigurazioni già nel VI secolo. a.C. (una divinità analoga altrettanto importante nella cultura minoica del II millennio a.C. era stata la cosiddetta Dea dei Serpenti.) …Con il crollo dell’Impero Romano e la definitiva cristianizzazione dell’Occidente, tutte le divinità pagane vengono eclissate, seppure mai del tutto, mentre si assiste a un crescente e implacabile dominio dell’importanza del ruolo maschile rispetto a quello femminile. A ciò va aggiunta quella profonda crisi economica e sociale che investì il Basso Medioevo, scatenata dall’arrivo e dalla diffusione epidemica della peste in Europa, causa di uno spaventoso tracollo demografico, anzitutto, e di una esasperata paura della morte e del giudizio divino cui neppure la fede e il fervore sembravano porre rimedio. Conseguenza dalle complesse sfaccettature di questa situazione sarà il fenomeno della caccia alle streghe, laddove la vittima sacrificale, che solo il fuoco poteva realmente purificare dal male, diveniva il bersaglio designato di un malessere ormai sfociato nel delirio più atroce e nel più buio oscurantismo (le streghe erano persino accusate di trasmettere malattie). Eppure il fenomeno della cosiddetta “stregoneria” oggi sappiamo essere molto più razionale e stratificato, nella sua manifestazione, di quanto si è pensato per secoli, fino a tempi recenti. Nell’Europa medievale ci sono donne che, in mancanza di poteri istituzionali, tentano di far sopravvivere il proprio gruppo sociale mediante nozioni che sono state loro tramandate da tempi ancestrali, e quindi utilizzano il buon senso e la saggezza per risolvere liti, usano erbe e decotti per curare, invero, le malattie, il tutto alimentato e tenuto vivo dalla fede nei vecchi dei, molto spesso identificabili con la Natura stessa, con il mondo delle piante e degli animali. Un concetto sempre più mal tollerato dalla Chiesa con il passare degli anni, tant’è che fu solo in un secondo tempo, quando il fenomeno divenne troppo rilevante per essere accantonato, che si ritenne necessario combatterlo, da principio classificando la stregoneria come una delle tante sette eretiche e successivamente come una categoria a parte. Irrimediabilmente segnata appare la sorte della civetta, del gufo e del barbagianni, tutti e tre uccelli notturni, ritenuti indistintamente e simbolicamente malefici e “ctonici”, i quali divengono vittime di un ulteriore equivoco che lega la civetta alla parola “strega”; in realtà, una certa differenza tra i vari animali era comunque presente soprattutto nell’antica Grecia dove il gufo era rispettato e ritenuto una sorta di animale sacro, nonché simbolo della dea Atena, a differenza della civetta che poteva invece far parte della selvaggina con cui eventualmente cibarsi. La strix di cui ci parlano Plauto, Properzio, Ovidio e Plinio, quell’uccello notturno che succhia il sangue soprattutto dei bambini e che sovente si presenta come la metamorfosi di una donna malvagia o di una larva, è però identificabile specificamente con il barbagianni; eppure in parecchi dialetti italiani la civetta (che in latino in verità è noctua) verrà chiamata in un modo che dipende proprio dalla parola strix, la cui assonanza con il termine sarà fin troppo scontata. Nella traduzione rabbinica medievale, Lilith è la sposa infedele di Adamo, la preferita delle quattro mogli del Diavolo e persecutrice dei neonati; il suo odio per Eva scaturiva dal fatto che lei le aveva preso il posto nel cuore di Adamo. Lilith era talmente temuta e la convinzione del suo potere nefasto fu talmente forte nel popolo ebraico che il capofamiglia, o una persona nota per la sua pietà, attaccava alla porta, sui muri, sul letto delle scritte che dicevano “Adamo, Eva, fuori Lilith”. Qualche volta venivano aggiunti pure i nomi dei tre angeli (Sanvi, Sansanvi e Semangelof) che, incaricati di annegare Lilith nel Mar Rosso, ne ebbero pietà e la risparmiarono facendosi promettete che non avrebbe fatto del male ai bambini là dove vedeva i loro tre nomi. Mentre la notte della circoncisione, in una ricorrenza così importante per gli Ebrei, Lilith veniva allontanata con la recitazione di letture pie. Per tutto il Medioevo la civetta Lilith è unanimemente considerata come l’aspetto femminile ancestrale della sessualità oscura, nonché essere funereo e notturno, così come descritto nei bestiari medievali, e fin troppo facilmente entrerà a far parte della tradizione esoterica e alchimistica. Per centinaia d’anni dunque la fama e l’influenza avute dal mito di Lilith si sono tramandate e preservate con una diffusione tale da ritrovare nella tradizione celtica chiari riferimenti a esso, successivamente all’importante divinità lunare di Morrigan…”

1 “Dee, fate, streghe. Dall'Abruzzo intorno al mondo” di Nicoletta Camilla Travaglini

Editore Tabula Fati, 2017. Pagine 9 e 10

2 https://diagonaltv.es/noticia/nuevas-incorporaciones-en-amar-es-para-siempre/

3https://www.antena3.com/series/amar/noticias/video-gracias-manolita-por-ensenarnos-amar-sin-limites_201903065c80fab80cf2e6d4ecc004e9.html

4 https://mewmagazine.es/amelia-ledesma-una-luchadora-como-pocas/

5 http://www.gavilan.edu/spanish/gaspar/html/3_08.html

6 http://web.tiscali.it/didonato/nicoletta/rubriche/maria_suriani.htm

7 http://www.terraincognitaweb.com/il-diritto-della-prima-notte/

Fonti

Dee, fate, streghe. Dall'Abruzzo intorno al mondo” di Nicoletta Camilla Travaglini Editore Tabula Fati, 2017.

https://diagonaltv.es/noticia/nuevas-incorporaciones-en-amar-es-para-siempre/

https://www.antena3.com/series/amar/noticias/video-gracias-manolita-por-ensenarnos-amar-sin-limites_201903065c80fab80cf2e6d4ecc004e9.html

https://mewmagazine.es/amelia-ledesma-una-luchadora-como-pocas/

http://www.gavilan.edu/spanish/gaspar/html/3_08.html

http://web.tiscali.it/didonato/nicoletta/rubriche/maria_suriani.htm

http://www.terraincognitaweb.com/il-diritto-della-prima-notte/

Fonti delle Immagini

Foto di Travaglini Nicoletta Camilla

https://amar.mizonatv.com/primera-foto-del-regreso-de-amelia-ledesma-carol-rovira-a-amar-es-para-siempre-en-navidad/

https://www.antena3.com/series/amar/personajes/itziar-miranda-manolita_20121113571e61246584a8abb582c176.html

http://briganti.info/il-nostro-8-marzo-nel-segno-delle-brigantesse/

https://www.terremarsicane.it/gli-abiti-folkloristici-nella-tradizione-marsicana-e-abruzzese/

http://www.comitatiduesicilie.it/costumi-dellabruzzo-citeriore-e-ulteriore/

https://it.wikipedia.org/wiki/Lilith#/media/File:Lady-Lilith.jpg

06/07/2020 17:08:13

http://www.cronachedeisibillini.com/cdsarticolo.aspx?idArt=1186
I testi presenti sul sito sono liberamente utilizzabili per fini culturali e comunque non di lucro, a patto di citare chiaramente la fonte di provenienza Cronache Dei Sibillini (cronachedeisibillini.com), gli eventuali autori del testo, quando indicati, le date di redazione ed aggiornamento e l'url relativa. Il Gruppo The X-Plan gestisce la comunicazione per conto di CdS ma non e' responsabile per la selezione e la pubblicazione dei suoi contenuti.